Presto! Un Chitarraiolo o un Tastierabile per i Parafulmini

Parafulmini_Mistero.jpg

ATTENZIONE ANNUNCIAZIONE
I Parafulmini cercano di volata un quarto elemento da aggiungere all’effervescente trio basso-batteria-sax – ovvero Parafulmine Percussore, Parafulmine Elettrobassaio & Parafulmine Sassofonaio – nella fattispecie un Parafulmine Chitarraiolo o un Tastierabile (quest’ultimo non amante del Barocco Parrocchiale né vestito tipo Mago Zurlì), preferibilmente che sappia leggere i puntini sul pentagramma.

Suona allettante? Forza, musicaioli potenziali Parafulmini, fatevi avanti!

Coi Parafulmini, brividi assicurati per tutti.

Advertisements

I Parafulmini in Québec

ParafQuebec.jpg

Ci sono i Grizzly in Québec? Ma sì, ci sono, e anche loro adesso potranno svezzare i propri grizzliny a suon di Parafulmini!

Giungono infatti notizie dal Canada, anzi, più propriamente da quella parte del vasto territorio orsesco che è il Québec, dove pare che qualcuno, nella fattispecie Richard Hawey di ProfilProg.com Web Radio, si sia pettinato le orecchie con Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini e poi ne abbia scritto un articolo in lode per via della messa in piega auricolare che ne è risultata, attribuendo addirittura un lusinghiero 9.0 al suddetto manufatto sonoro, che potete trovare per intero (e in francese) qui. Ringrazievolmente dunque ossequiamo il suddetto Richard e lo invitiamo a tenersi pronto per nuove avventure Parafulminesche che si profilano all’orizzonte.

I Parafulmini

 

 

 

Parafulmini 2.0 (beta)

Nuovi_Parafulmini

NOTIZIA CHE ROMPE (breaking news) – Ah, che bella l’usanza così moderna di dare un numero, col decimale all’angloamericana (ovvero: col punto al posto della virgola) per designare la freschezza, la novità, l’innovazione! Anche se non c’entra un tubo!

Ma tant’è e non si poteva essere da meno: perché inizia oggi un nuovo esperimento dei Parafulmini, dall’esito ancora imprevedibile: il Parafulmine Percussore e il Parafulmine Elettrobassaio continuano l’evventura parafulminesca con il nuovissimo Parafulmine ElettroSassaio, ossia ai sassofonismi assortiti & elettrochitarre eventuali di rinterzo, Filippo Brilli, già Parafulmine Onorario su Polpetta, terzo movimento della suite Una settimana di bontà dall’album Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini.

La conferma degli sviluppi di questi Parafulmini 2.0 (beta release) – se ci saranno – a breve.

Coi Parafulmini, brividi assicurati per tutti.

Parafulmini Suite

Parafulmini Suite, che occupa dalla terza alla settima traccia di Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini, è (toh!) una suite divisa in quattro movimenti:

  1. Allegro un po’ troppo
  2. Andante al mare, con ruspe
  3. Allegro siberiano
  4. Finale cacciucco

Si parte allegri & saltellanti in 7/8 col primo movimento per passare poi a un rilassante ritmo tipo doo-wop ma monco, interrotto da frizzanti inserti a tutta birra, che sfociano nella steppa a cavallo del terzo allegro – il tutto poi riasunto nel cacciucco conclusivo.

Ovviamente, nell’album anche questi quattro movimenti sono altrettanti tasselli di Parrucchieri dall’Ultraspazio – l’incredibile storia del Professor Magnifizio (l’avvincente avventura narrata con dovizia di particolari nel booklet del CD) .

Ascoltateveli gratis, mentre nel frattempo cosa bolle nel pentolone dei Parafulmini?

 

Acqua a pedale

Acqua a pedale è la prima parte di Idraulici in vacanza, da Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini. Nell’album, anch’essa è un tassello di Parrucchieri dall’Ultraspazio – l’incredibile storia del Professor Magnifizio (narrata con dovizia di particolari nel booklet del CD) ma in origine il titolo viene da quei congegni posti sotto ai lavabi delle toilettes di certi esercizi pubblici, la cui pressione fa magicamente scaturire fiotti idrici più o meno abbondanti (in particolare, il riferimento era al bagno di una pizzeria pisana, dove sopra al lavabo troneggiava il cartello scritto a mano: ACQUA A PEDALE).

Questo pezzo, che inizia con un tema in 17/8 (cioè: 5+5+7), contiene anche un allegro motivetto che sarebbe un rock & roll, però in 7/8.

Streaming, Download & CD

NOTIZIA CHE ROMPE (breaking news) – Finalmente, dopo un paio di mesetti, è attiva la pagina dei Parafulmini su BandCamp dove è possibile ascoltare, scaricare o anche acquistare il prezioso CD dell’album Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini.

It arrived at last! – the Parafulmini’s BandCamp page, where you can stream, download or even buy the CD of the album Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini [Keep Out Of Reach Of Kids]

I Parafulmini per gli storici del futuro

Qualche settimana fa, la dinamica redazione di HamelinProg ha chiesto ai Parafulmini di scrivere qualcosa su di loro e su come erano arrivati a Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini, il saporito manufatto sonoro uscito alla fine del 2017.

Così, il Parafulmine Percussore una sera si è sgranchito le dita e ha scritto un lungo articolo per gli storici musicali del futuro che ripercorre le vicende – che affondano nella notte dei tempi – della band, il suo progetto musicale e altre indispensabili, affascinanti informazioni – e che trovate col titolo Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini – La genesi dell’esordio discografico dei Parafulmini nella sezione L’artista racconta sulle pagine di HamelinProg, qui.

 

Il PRURF

La nascita di un nuovo genere musicale

Si sa: la musica è fatta di etichette. Non quelle discografiche – sì, ci sono anche quelle, ma qui non si tratta di loro, bensì delle etichette di genere. A cosa servono questi cartellini col nome da mettere sugli scaffali nei negozi di dischi o nei menù dei siti di streaming audio? A far riconoscere e vendere quel che il pubblico consumatore di musica cerca, è un’esigenza gestionale di bottega. Perché a monte i nomi sulle etichette servono a far identificare fette del suddetto pubblico in qualcosa di specifico: questo genere e non un altro. Si formano così tante tribù (anche in guerra tra loro) che poi finiscono per diramarsi in sottotribù poiché le suddette etichette stanno strettine alla musica; ed ecco allora tutto il proliferare di un sottobosco di sottogeneri, che cercano d’incasellare alla meno peggio l’irriducibile varietà di quel che viene fuori quando qualcuno si mette a emettere dei suoni.

Para_Promo_TFDPDB_midQuasi tutti gli appartenenti a questa socialmente malvista schiera, a parte le tribute band che sono un caso umano a parte, alla domanda Che genere fai/fate? risponderanno scusandosi che sì, fanno il genere F, ma con influssi di Q e una spolverata di H, e poi il cantante fa un paio di pezzi tipo R, dove F, Q, H e R sono lettere a caso. Segno evidente dell’utilità ma soprattutto dei limiti dell’etichettatura.

Potevano dunque sottrarsi i Parafulmini a questa antica e rinomata tradizione, la dittatura etichettatrice? Domanda retorica: no, certo, specie adesso che è uscito il loro disco Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini. Ma allora prima di definirsi bisognava che ci pensassero su con attenzione, scientificamente. In realtà, l’idea di base è saltata fuori una sera dopo le prove, per caso, sotto forma di battuta della buonanotte sotto la tettoia di una pizzeria, ma tant’è: a mente fredda, è sembrata acquistare senso per davvero.

E così è nato il PRURF.

Per dirla in breve, PRURF è la contrazione di PRogressive sURF rock. Con qualche parola in più, dal Progressive al Surf Rock con tutto quel che ci sta in mezzo e, si potrebbe aggiungere, anche dietro, ai lati, sopra e sotto.: quindi punk, alternative, RIO, jazz [riempite voi lo spazio]. Che è poi un modo per dire che quel che ci può andar dentro ci va, specie se ha un taglio umoristico, zappiano, cartonanimatesco o che comunque ci fa ridere.

A chi scrive di musica piace molto parlare di sonorità ed essendo i Parafulmini, di fondo, un trio (anche se arricchito da ospiti: uno tra tutti, Patrizio Fariselli degli Area) buona parte della sonorità parafulminesca è data dall’elettrochitarra del Parafulmine Elettrocordaio Stefano Masoni, che perlopiù esce dall’amplificatore con un solido suono Surf, ma che dal Surf si discosta quasi su tutto il  resto: melodie, armonie e metri ritmici, anche perché il Parafulmine Percussore Marco Bigliazzi è un feticista di scansioni dispari e poliritmi che sfuggono alla foresta pietrificata del 4/4 del Surf classico.

Parafulmini_InStudioIl che, insieme all’asimmetria sbilenca delle composizioni, sposterebbe la lancetta verso il rosso del Prog, evitando però accuratamente quello che in lessico parafulminesco è il Barocco Parrocchiale – ossia quella torta iperglicemica a base di atmosfere magiche, accordini e infiorettature di tastieristi travestiti da Mago Zurlì e testi tratti dai biglietti dei cioccolatini. Il Parafulmine Elettrobassaio Riccardo Zini, acquisto recente del gruppo, è anche quello fornito di titolo accademico (è diplomato in clarinetto), suona anche il sax baritono e passa senza problemi dal jazz al punk, condividendo tali inclinazioni coi complici: ecco perché swing, be bop o hardcore punk non sono peregrine come definizioni per certi pezzi parafulmineschi – o parti di essi.

Eccoci così arrivati in fondo a questa prima puntata della disamina del neonato genere musicale: il PRURF. Nella prossima, uno sguardo più approgfondito agli influssi sulla musica dei Parafulmini – altro argomento affascinante per quelli che scrivono e chiacchierano di musica – e poi altre imperdibili informazioni su gusti & disgusti dei membri del trio.

Alla prossima!

i Parafulmini

Parafulmini e batterie

Anche se il titolo potrebbe trarre in inganno, lasciando pensare a un rivoluzionario sistema di accumulo di energia da fonti alternative, in realtà questo post vuole rispondere a una domanda: com’è la batteria dei Parafulmini? Su quali tamburi, piatti & campanacci sbatacchia le sue bacchette il Parafulmine Percussore? Ma chi se ne importa? Be’, se tante volte ci fosse qualcuno al quale importa, là fuori, ecco qui un paio di sobrie immagini dello strumento, scattate un anno fa allo studio dell’agrituristico Riccardo Andreini, ai tempi della registrazione di Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini che, tra parentesi, è uscito e disponibile. Come fare per averlo? Facile, contattate i Parafulmini proprio da qui.

Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini: uscito!

E’ stata quasi un’odissea: dalle registrazioni fatte a metà gennaio 2017 dall’agrituristico Riccardo Andreini, allo studio Ottava Nota di Montopoli, all’arrivo delle copie del sospirato CD – dicembre – è passato quasi un anno. Ma eccolo qui, signore & signori, nel suo splendore grafico & sonoro: Tenere Fuori Dalla Portata Dei Bambini, che ha per sottotitolo Ovvero Parrucchieri dall’Ultraspazio – L’incredibile storia del Professor Magnifizio.

Col contributo specialissimo dei Parafulmini Onorari Patrizio Fariselli ai tasti, Fabrizio Asmagheddon Bondi all’elettrometalchitarra, Luca Cantasano e Alfonso Capasso all’elettrobasso, Filippo Brilli al sax basso e Riccardo Zini al sac baritono – in aggiunta ai Parafulmini Stabili Marco Bigliazzi ai tamburi, piatti & campanacci e Stefano Masoni all’elettrochitarra.

E ora, non ci resta che aprire le vendite; i cui modi e dettagli saranno resi noti quanto prima.

I Parafulmini